martedì 21 febbraio 2017

La strada

Questo è uno dei libri citati in The fireman che però ero già curiosa di leggere, una coincidenza in salsa distopica insomma. Al momento non so cosa aspettarmi da questo libro di Cormac McCarthy se non che lo scenario è catastrofico, molto peggio dei soliti libri di questo gener, del resto lui è il "creatore" di Non è un paese per vecchi". Mi riservo di aggiornare questo post alla fine del libro. 
La strada (Titolo originale: The road)

Casa editrice: Einaudi
Trama:
La strada
Un uomo e un bambino, padre e figlio, senza nome. Spingono un carrello, pieno del poco che è rimasto, lungo una strada americana. La fine del viaggio è invisibile. Circa dieci anni prima il mondo è stato distrutto da un'apocalisse nucleare che lo ha trasformato in un luogo buio, freddo, senza vita, abitato da bande di disperati e predoni. Non c'è storia e non c'è futuro. Mentre i due cercano invano più calore spostandosi verso sud, il padre racconta la propria vita al figlio. Ricorda la moglie (che decise di suicidarsi piuttosto che cadere vittima degli orrori successivi all'olocausto nucleare) e la nascita del bambino, avvenuta proprio durante la guerra. Tutti i loro averi sono nel carrello, il cibo è poco e devono periodicamente avventurarsi tra le macerie a cercare qualcosa da mangiare. Visitano la casa d'infanzia del padre ed esplorano un supermarket abbandonato in cui il figlio beve per la prima volta un lattina di cola. Quando incrociano una carovana di predoni l'uomo è costretto a ucciderne uno che aveva attentato alla vita del bambino. Dopo molte tribolazioni arrivano al mare; ma è ormai una distesa d'acqua grigia, senza neppure l'odore salmastro, e la temperatura non è affatto più mite. Raccolgono qualche oggetto da una nave abbandonata e continuano il viaggio verso sud, verso una salvezza possibile...

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo commento!!!